SPECIALE CONTRIBUTI SISTEMI DI SICUREZZA

Qui sono disponibili le informazioni sui contributi per l’installazione di sistemi di sicurezza presso le case di abitazione
[ segue ]

Contributi per l’installazione di sistemi di sicurezza presso le case di abitazione

 

cliccare al seguente link dove sono disponibili le informazioni e la modulistica.
 

La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia eroga risorse finanziarie agli Enti locali per la concessione dei contributi ai cittadini per l’installazione di sistemi di sicurezza nelle proprie abitazioni .

E' stato pubblicato nel BUR n. 31 dell'1 agosto 2018 il Regolamento per l’assegnazione agli enti locali delle risorse per la concessione ai cittadini dei contributi per la sicurezza delle case di abitazione, ai sensi dell’articolo 4 bis della legge regionale 29 aprile 2009, n. 9 (Disposizioni in materia di politiche di sicurezza e ordinamento della polizia locale), emanato con D.P.Reg. 0152/Pres del 24 luglio 2018. 

 

Per presentare domanda i cittadini devono attendere che gli Enti locali (Comuni singoli o associati o le UTI) emanino i rispettivi bandi.

 

Soggetti beneficiari dei contributi:        

-       cittadini italiani;

-       cittadini appartenenti all’Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia ai sensi del d.lgs. n. 30/2007;

-       stranieri titolari di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo ai sensi del d.lgs. n. 3/2007.

 

Requisiti:

-       essere proprietari dell’immobile o della porzione di esso, adibiti a residenza del nucleo familiare del richiedente, sul quale realizzare l’intervento;

-       essere residenti da almeno 5 anni in via continuativa nella Regione Friuli Venezia Giulia;

-       essere residenti in uno dei Comuni beneficiari dei finanziamenti regionali.

 

Oggetto di contributo:

i sistemi di sicurezza ammessi a contributo sono i sistemi antifurto, antirapina, antintrusione e i sistemi di videosorveglianza. Rientrano tra gli interventi: 

a) installazione di fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati, impianti di videocitofonia, apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline, sistemi di allarme, rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti;

b) acquisto e posa di porte e persiane blindate o rinforzate, saracinesche e tapparelle metalliche con bloccaggi, porte e finestre con vetri antisfondamento, grate e inferriate, supporti o finestre, serrature antieffrazione e spioncini su porte.

 

La spesa massima ammissibile è pari a € 3.000,00 (iva inclusa); non sono finanziabili interventi  per spese inferiori a € 1.000,00 (iva inclusa). Il contributo massimo concedibile è pari al 50% della spesa sostenuta e quindi non può essere superiore a € 1.500,00 (iva inclusa) e inferiore a € 500,00 (iva inclusa).

Sono ammesse a contributo le spese pagate a partire dall'1 gennaio 2018 al 30 novembre 2018.

 

 

 

 



Regolamento contributi sicurezza

Riparto del finanziamento agli Enti locali

Contributi anni 2016 e 2017

 
immagine notizia
[ immagine notizia stampa ] [ immagine notizia top ]